Migliori broker per fare trading con i CFD: opinioni 2019

Per capire quali siano i migliori broker per fare trading con i CFD, bisogna osservare l’argomento ad ampio raggio.

Quando si decide di fare trading online, qualsiasi sia la linea che si intende seguire e su cosa ci si voglia dirigere, è fondamentale tenere presente una serie cose.

La prima in assoluto è senza dubbio la sicurezza dei propri risparmi, quindi è bene rivolgersi a broker che siano regolamentati.

Quando si parla di regolamentazione si intende che siano autorizzati dagli organi competenti, in Italia la maggiore garanzia la dona essere autorizzati dalla Consob o dalla Cysec.

Dopo aver fatto tale scelta, ci si deve domandare su quale tipo di elemento finanziario ci si voglia dirigere con i propri risparmi. Sebbene il portafoglio possa essere gestito investendo su asset multipli, è bene avere una linea principale d’investimento, nella cui direzione spingere un po’ di più per generare maggiori profitti.

Nel nostro articolo vogliamo parlare in particolare dei CFD, ma non solamente di quello che sono (argomento che abbiamo trattato in altri articoli), ma anche quali siano i migliori broker per fare trading con essi.

Caratteristiche dei CFD

I CFD non sono strumenti particolarmente facili, ma bensì molto complessi e che comportano un rischio di perdita molto alta e piuttosto rapida (questo a causa della presenza della leva spesso di valore elevato).

Tra coloro che operano sul mercato finanziario, e che investono i propri capitali sui CFD, una buona percentuale si trova con delle grosse perdite.

Caratteristiche

I CFD sono strumenti che hanno le seguenti caratteristiche:

  • Sono strumenti elevatamente speculativi.
  • Rilevano aumenti e diminuzioni dei prezzi.
  • Riguardano una serie di asset diversi.
  • Permettono di fare trading senza alcun limite.
  • Possiedono un basso margine e contestualmente una leva maggiore.

Tutte queste caratteristiche rendono questi strumenti elevatamente pericolosi se non sia ha una buona conoscenza del mercato, e se non ci si rivolge ai giusti broker finanziari. Dall’altro lato della medaglia, c’è da dire che se usati in maniera corretta, possono generare interessanti guadagni.

Migliori broker per fare trading con i CFD

Per trovare quale siano i migliori broker con i quali fare trading con i CFD, si deve andare non solo a cercare quelli che siano autorizzati ad operare dalla Consob o dalla Cysec, ma anche quelli che per le loro caratteristiche risultino particolarmente adatti a trattare i CFD.

Attraverso un’oculata ricerca online, possiamo elencare la seguente lista di broker:

  1. Markets.com: broker autorizzato dalla Cysec e che permette di operare per un certo periodo di tempo su un conto demo da 10.000 euro. Con questo margine si possono effettuare diverse prove interessanti per capire bene il meccanismo. Non è richiesto nessun deposito obbligatorio ed è ottimale per trattare con i CFD.
  2. 24 Option.com: anche questo broker è autorizzato dalla Cysec, e si differenzia dal precedente perché richiede un deposito minimo di 100 euro. Ottimo per le operazioni con CFD.
  3. BDSwisse: autorizzato Cysec, non richiede versamento di quota minima, quindi apribile a 0 euro, conto di trading virtuale per principianti, e permette di investire in 48 CFD diversi tra cui titoli, indici e infine materie prime.
  4. Iq option: piattaforma molto interessante, che anch’essa gode di autorizzazione Cysec. Permette di cominciare a operare sulla piattaforma anche con un deposito minimo di appena 10 euro, e permette di investire in CFD in tutta semplicità, grazie alla sezione specifica dedicata dove si trovano tutti quelli a diposizione.

Adesso è importante capire come fare la scelta giusta.

Come scegliere il broker per fare trading con i CFD

Tutto quello che abbiamo trattato fino ad ora, ci permette di avere un’idea chiara di che cosa siano i CFD sui quali andare ad investire, di come fare per scegliere un broker che abbia l’autorizzazione ad operare e quali siano quelli tra i più idonei a trattare con questi specifici elementi finanziari.

Adesso la domanda è: come scegliere tra questi quello che più si addice alla nostra decisione di investire in CFD?

Per fare la scelta giusta si deve tenere conto di tre parametri fondamentali:

La convenienza riguardo allo spread e alle commissioni

La differenza ask / bid tra i prezzi, per essere conveniente deve risultare la minore possibile.

I Broker guadagnano principalmente su questo differenziale ad in ogni operazione.

Al momento della scelta del Broker, è bene considerare con attenzione questo aspetto, tenendo presente che se si studiano con attenzione, tra i vari Broker consigliati vi sarà chi non applica queste percentuali e quindi è gratuito da questo punto di vista.

Piattaforme facili

Non tutte le piattaforme sono intuitive e semplici da usare, sebbene questo possa sembrare un discorso di secondaria importanza rispetto ad altre caratteristiche, non è così.

Una piattaforma di difficile utilizzo non rende agevole la propria operazione di investimento, con il rischio di commettere errori che potrebbero mettere a rischio il proprio capitale.

Per questo motivo è bene cercare con oculatezza, anche affidandosi a chi già ne conosce diverse, per trovare quella che è considerata la più idonea per un principiante.

Assistenza tecnica

Inutile dire che quelli ritenuti come i migliori per assistenza tecnica in caso di necessità, siano quelli idonei per la scelta del proprio broker con cui operare.

Quando si investono dei capitali, specialmente se parliamo di cifre piuttosto elevate, non è da trascurare qualcuno che sia sempre pronto a risolvere una problematica e che è perfettamente in grado di fare il proprio mestiere.