CFD in materie prime: conviene investire?

Le materie prime sono una delle basi dell’investimento mondiale, infatti oltre alle valute giocando sul valore di cambio, è senza dubbio la scelta più praticata dagli investitori.

Prima di comprendere cosa siano i CFD, e cosa sia fare trading sulle materie prime attraverso di essi, dobbiamo conoscere nello specifico cosa intendiamo con il termine materie prime.

Questo perché vi sono chiaramente investitori più esperti che sanno esattamente di cosa parliamo, ma anche altri meno esperti che investono su tipologie di prodotti diversi e meno complessi, e che se vogliono puntare su prodotti diversi come le materie prime devono prima farsi una cultura.

In questo articolo tratteremo l’argomento in modo da comprenderne tutte le sfaccettature.

Cosa sono le materie prime

Per materie prime si intendono tutti quei materiali grezzi utilizzati che vengono impiegati nei processi di lavorazione, che possono essere artigianali, industriali, etc, allo scopo della fabbricazione di prodotti e beni finali.

Sono risorse naturali che si possono suddividere in rinnovabili e non rinnovabili.

Materie prime rinnovabili

Trattasi di quelle che sono di origine vegetale o animale, e che hanno la proprietà di poter essere rigenerate al termine di ogni ciclo produzione.

Tra queste ricordiamo il legno, i prodotti agricoli, la carne, le fonti di energia rinnovabili e così via.

Materie prime non rinnovabili

Queste invece non possiedono la proprietà di poter essere rigenerate. Attraverso il consumo delle stesse si ha una diminuzione delle quantità disponibili.

Tra queste ricordiamo i metalli, i minerali non metalliferi e le fonti di energia non rinnovabili.

Trading sulle materie prime

Quando parliamo di trading sappiamo a cosa ci riferiamo, ovvero investire attraverso le piattaforme online gestite dai broker finanziari (tra i migliori broker certificati e sicuri consigliamo Plus500 e eToro, quest’ultimo ha un’ottima piattaforma di copytrading per poter copiare le scelte di investimento fatte dai migliori trader).

Quello specifico sulle materie prime è quando si procede con una forma di speculazione finanziaria che punta all’ottenimento di profitti, questo attraverso le variazioni delle quotazioni che avvengono sulle materie prime principali.

Principali materie prime su cui fare trading

Quali sono nello specifico le materie prime sulle quali si può fare trading? Le migliori su cui operare sono le seguenti:

  • Petrolio,
  • Oro,
  • Argento,
  • Gas Naturale,
  • Platino,
  • Palladio,
  • Mais,
  • Soia,
  • Cotone,
  • Cacao,
  • Caffè.

CFD sulle materie prime

Il primo punto su cui porre l’attenzione, sempre per coloro che non fossero avvezzi alla finanza ma vi si stiano avvicinando adesso, è cosa siano nello specifico i CFD (acronimo di Contratti per Differenza).

Essi sono strumenti finanziari che si possono negoziare online, e che offrono all’investitore la possibilità di trarre un vantaggio in termini economici da quelle che sono le variazioni di prezzo di attività finanziarie sottostanti. Queste possono essere rappresentate da azioni, cambi valutari e appunto materie prime.

In pratica, seguendo la tecnica degli investimenti tramite Il trading con i CFD, si ha nelle mani la possibilità di fare dei pronostici su quale andamento abbiano le materie prime alle quali ci rivolgiamo, e quindi in caso di esito favorevole ottenere interessanti guadagni.

La presenza dei CFD è molto importante per diversi aspetti, in quanto essa ha permesso l’accesso all’investimento di un certo tipo, anche a coloro che non fossero professionisti del settore finanziario e anche a chi non possedesse grandi capitali da investire.

Per avere successo sarà sufficiente sfruttare le proprie conoscenze e le proprie capacità intuitive, in modo da comprendere se le materie prime in questione sono soggette in un dato momento a rialzi o a ribassi, in modo da puntare sulla scelta giusta.

Vantaggi nell’investire con i CFD

Andiamo a conoscere quali siano i reali vantaggi nell’investire con i CFD, e come utilizzarli per puntare sulle materie prime.

Fare trading sulle materie prime attraverso i CFD significa investire su prodotti come petrolio, oro, argento, rame, e così via per quanto riguarda i metalli, e su soia, caffè, zucchero, cotone e così via per quanto riguarda le materie prime alimentari.

Vi sono almeno due aspetti di cui tenere conto quando si decide di puntare su una specifica materia prima, il primo è quello prettamente legato al sistema di trading vero e proprio, l’altro (il più importante quanto complesso) è l’andamento della materia prima sul mercato.

Leva finanziaria

Per quanto riguarda l’aspetto del trading, a giocare molto sulla rendita è certamente la leva finanziaria, strumento che permette di aumentare il profitto anche ad investimenti non cospicui. Infatti, per le materie prime di solito sono proposte con valori molto alti.

Bisogna però fare molta attenzione, perché è vero che le leve sono alte, ma le materie prime sono elementi finanziari molto volatili, quindi non è così difficile vedere andare in fumo il proprio capitale.

Consigliamo quindi una buona dose di preparazione e conoscenza del mercato di ogni singola materia prima, in questo modo si potrà essere sempre consapevoli di quello che stiamo facendo.

Andamento sul mercato delle materie prime

L’andamento sul mercato delle materie prime invece, è fondamentale per i propri investimenti, perché influisce positivamente o negativamente sul valore finanziario delle stesse.

Vi sono materie prime che sono in calo da diverso tempo come valore, per problemi legati a calo della domanda e una produzione eccessiva come ad esempio il caffè.

Oppure vi sono i metalli che, essendo beni destinati all’esaurimento, potrebbero essere un interessante investimento a lungo termine, in quanto non appena diverranno rari, il loro valore crescerà in maniera esponenziale.

Investimenti a breve termine

I CFD sono forse uno strumento che si adatta in maniera più consona agli investimenti a breve termine, e some abbiamo visto richiedono una certa dose di preparazione, specialmente se si vogliono utilizzare per elementi finanziari molto volatili come le materie prima.

Qualora siate decisi a seguire questa strada, sul web vi sono molte informazioni in merito ai CFD, e molte informazioni in merito all’andamento delle materie prime e quali siano le previsioni future degli analisti.

Uno studio accurato del quadro complessivo vi permetterà di poter scegliere una strategia ben delineata e volta a far crescere i vostri capitali, come detto in precedenza, se siete alla ricerca di un broker sicuro e certificato, considerate eToro che dà la possibilità di copiare i trader più bravi e guadagnare copiando, appunto, le loro strategie di investimento.

In alternativa ci si può affidare alla professionalità di Money Farm, che è un’agenzia specializzata sulla consulenza finanziaria.