Investire piccole somme oggi

In un periodo storico in cui la liquidità sembra scemare dalle mani, la necessità di investimenti sicuri è sempre più sentita. La difficoltà nasce dal riuscire a recuperare il capitale. Ma è sempre necessario averne uno? No, lo si può creare cominciando a investire oggi piccole somme; dai conti deposito come Widiba (vai al sito ufficiale) al trading online con piattaforme sicure e certificate come eToro (Sito Ufficiale).

Investire piccole somme nel 2021

App per il risparmio

Lasciare i soldi sul conto corrente non è una buona idea per guadagnare, ma neppure per risparmiare. E’ risaputo che si tende a spendere di più semplicemente e si ha più denaro a disposizione. E’ quindi un’ottima scelta quella di spostare periodicamente delle cifre, anche molto piccole, su strumenti di investimento come anche i conti deposito tipo Widiba (vai al sito ufficiale).

Oggi diverse app consentono di farlo direttamente da cellulare, partire a 5 euro. Non caso, una delle più conosciute e utilizzate è Gimme 5, di proprietà del gruppo AcomeA SGR. Quando si parla di piccole some, questa app prende la cosa alla lettera: è possibile mettere da parte anche solo 5 euro a volta.

A occuparsi del tuo denaro è un team di professionisti, che investono in un fondo comune. Quello che devi indicare è la “velocità” con cui vuoi far fruttare il tuo gruzzolo, direttamente proporzionata al rischio che sei disposto a correre. E’ possibile impostare una cifra fissa da investire mensilmente, oppure fare manualmente dei “joink”, cifre aggiunte al proprio capitale che vengono poi trasferite con bonifico o altre app di pagamento.

Ci sono anche articoli di approfondimento con consigli di risparmio investimento, per aumentare le proprie conoscenze sull’argomento. E la possibilità di fissare obiettivi, così si sarà motivati a risparmiare e raggiungere il proprio traguardo; questo è sicuramente un tra i principali investimenti per giovani.

App per l’accumulo

Un altro modo per creare un piccolo gruzzolo, magari da investire in un secondo momento, è quella di arrotondare le spese alla cifra intera più vicina. Per fare un esempio: se spendi 49,75, il resto di 0,25 euro puoi metterla da parte. Se cerchi i affrontare questo impegno “manualmente”, sarà molto facile scordarsi mancare l’impegno. Ma se affidi il lavoro a delle app, tutto avverrà in automatico.

Satispay (sito ufficiale) per esempio, una delle app più note per i pagamenti elettronici, ti dà proprio questa possibilità. Basta impostare la funzione e ogni volta che pagherai spese, tributi o servizi con Satispay, il tuo resto verrà automaticamente messo da parte.

Nel giro di pochi mesi, potrai ritrovarti con una piccola somma, pronta per investimenti più importanti.

Piani di accumulo PAC

Il sistema di piani di accumulo consiste nella sottoscrizione a degli strumenti finanziari attraverso fondi di investimento o EFT (fondi comuni con commissioni veramente molto base, poiché la gestione è completamente passiva). Il vantaggio è di non dover possedere grandi somme per investire, ma è possibile versare piccole cifre mensili con l’idea di creare – appunto – un accumulo.

Il servizio è offerto anche dalle banche; se scegli questa strada, il consiglio è quello di fare attenzione alle commissioni richieste. Se invece vuoi muoverti in autonomia, potete affidarvi a Moneyfarm (qui il link al Sito Ufficiale). Leader come servizio di risparmio gestito in Italia e in Europa, Moneyfarm crea un portafogli su misura per te attraverso un’intelligenza artificiale.

Al momento dell’iscrizione, ti sarà chiesto di compilare un questionario che permetterà ai professionisti dell’investimento di capire che tipo di risparmiatore sei. Man mano che il tuo capitale aumenterà, ci penseranno a investirlo. Si può procedere con bonifici di iniziativa un tantum, oppure impostando una cifra fissa mensile da mettere da parte.

Oro

In un momento in cui i mercati oscillano ampiamente, e le certezze economiche vacillano, c’è un bene che sembra mantenere, se non aumentare costantemente, il proprio valore: l’oro. Da sempre considerato un bene rifugio, ancora oggi è una ottima idea per proteggere i propri risparmi dall’inflazione o dai periodi di crisi economica.

Non solo il valore del metallo scintillante non sembra risentire delle difficoltà economiche, ma anzi accresce il proprio valore. A metà del 2020, nel mezzo dell’emergenza sanitaria, l’oro ha raggiunto i picchi di prezzo dal lontano 2012, oscillando intorno ai 46 euro al grammo. Questo però significa anche che ben poche persone potrebbero acquistare un lingotto a investimento, che pesa più i 12 kg: ci vorrebbero circa 500mila euro.

La strada è quella di investire piccole some. E lo puoi fare sfruttando i servizi di Bullion Vault, la più importante società nel mercato di metalli preziosi(oro, argento e platino) del mondo. Da casa tua, online puoi acquistare oro a partire da pezzi da 50 euro, tra monete d’oro e lingotti di piccolo formato. I responsabili della società conservano il tuo oro nelle loro camere di sicurezza. Ma se vuoi, arrivato a un minimo di 10 grammi di oro, puoi ricevere l’oro a casa tua e conservarlo personalmente.

Sempre seguendo le previsioni, si ha anche la possibilità fare trading sull’oro, tramite piattaforme sicure e certificate come eToro (Sito Ufficiale).

Investimenti a impatto sociale

Quando si parla di investimenti e di denaro, l’immaginario collettivo tende ad avere una visione negativa. Come se l’idea di investire denaro per farlo fruttare, anche se di cifre piccolissime, abbia solo uno scopo consumistico o capitalistico. Invece, ci sono diversi modi per investire nel sociale.

Per esempio tramite Lita.co (sito ufficiale), piattaforma prima in Europa per specializzazione in impact investment. Questa è una attività di investimento che desidera valutare un impatto sociale o ambientale misurabile, ovviamente senza perdere di vista il rendimento economico, che deve essere alla base di qualsiasi progetto.

In questo la piattaforma ha accolto le richieste del investitori etici che sono attenti a criteri di tipo extra finanziario al momento di scegliere dove fare i propri investimenti.

Lita.co (sito ufficiale) opera in equity crowdfunding: significa che gli investitori diventano soci di piccole medie imprese startup in cui credono e di cui condividono i principi, godendo dei benefici. Per partecipare, scegli il progetto che senti più vicino a te e investi cifre a partire da 100 euro.

Crowdfunding Immobiliare

Se vuoi fare un investimento sicuro, scegli il mattone. Quante volte hai sentito questo consiglio? In effetti è valido sempre anche se il mercato immobiliare negli ultimi anni ha oscillato, e non poco. Il problema è che questo tipo di investimento è a lungo, se non lunghissimo, termine. E investire in appartamenti o edifici richiede un enorme capitale iniziale.

Come muoversi allora, se si hanno a disposizione solo piccole somme a investire? Con il crowdfunding immobiliare.

Il crowdfunding, metodo di finanziamento “dal basso” utilizzato moltissimo da startup e progetti innovativi, è un vantaggio anche per i piccoli investitori. Attraverso le piattaforme utilizzabili sul web, è possibile investire piccoli capitali a propria disposizione in progetti immobiliari.

E sono veramente piccoli. E’ possibile partecipare a un crowdfunding immobiliare anche con soli 50 euro. I rendimenti sono mensili, e il ritorno può essere importante; anche a partire dal’8 per cento (calcolato su base annua).

Se sei interessato a questo mercato, valuta che esistono principalmente due filoni di crowdfunding immobiliare.

– Lending: è una tipologia di crowdfunding he prevede un prestito da parte tua, per cui in futuro avrai la restituzione con gli interessi. E’ il metodo usato per esempio dalla piattaforma Re-Lender (Sito Ufficiale)

– Equity: in questo caso invece, il capitale investito entra a far parte di quello della società immobiliare, e hai acceso ai rendimenti del progetto che hai finanziato. Questo è il metodo che rovi se sfrutti i servizi di Walliance.

Crowdfunding di startup

Sdoganato ormai anche in Itala, il crowdfunding funziona da anni oltre oceano. E’ una forma di finanziamento dal basso verso l’alto: ovvero sono gli utenti finali del progetto a partecipare alla sua nascita con un investimento economico. I motivi son diversi: si crede in un prodotto e si contribuisce alla sua nascita per averlo prezzo scontato; si sostiene un’opera artistica che difficilmente vedrebbe la luce in percorsi più commerciali; oppure si supportano progetti di stampo sociale.

Oppure, lo si utilizza per entrare in una società in cui si crede. In quest’ottica, il crowdfunding di startup è utile tanto a chi riceve i finanziamenti, quanto a chi li investe. Qui, bisogna saperlo, il ritorno non è certo. Se il progetto non decolla come si spera, ci saranno pochi dividendi da spartirsi. Ma se trovi l’idea che ti piace, vale la pena di provare.

Sulla piattaforma WeAreStarting la cifra minima da investire è di 250euro. Magari scopri la Netflix del futuro, e il ritorno sarà assicurato.

Trading online

Impossibile che tu non abbia mai sentito parlare di trading online, dato la quantità di volte che lo si sente citare. Più facile, invece, che non ti sia chiarissimo il meccanismo con cui funziona.

Il TOL, acronimo di trading online appunto, è in breve la compravendita tramite il web di strumenti finanziari. Detto in modo ancor più semplice: vendi e acquisti azioni in borsa su internet.

E’ quindi necessario conoscere i meccanismi della borsa per fare trading online? Se vuoi fare tutto da solo, in effetti sì. Almeno di base. Ci sono molte app che ti permettono di gestire investimenti, acquisti e vendite in tempo reale dal tuo cellulare. Le più famose sono eToro (Sito Ufficiale) e Libertex.

Il vantaggio è che si può partire a investire cifre davvero piccole, anche solo 10 euro. Se non sei un esperto, il consiglio è di cominciare con le demo gratuite messe a disposizione da quasi tutte le piattaforme. Potrai capire i meccanismi o meglio ancora utilizzare la piattaforma di copy trading (o social trading) di  eToro (Sito Ufficiale) per copiare le strategie dei trader esperti.

Ricorda che questo metodo di investimento può dare buoni risultati ma ha anche un certo margine di rischio. Se sei un principiante, esercitati molto con i demo, approfondisci la materia, muoviti sempre con piccole somme e investile in prodotti che conosci e di cui puoi intuire l’andamento, anche sul breve termine; ci sarà sempre tempo per aumentare l’investimento.

Bitcoin

Altro termine famosissimo, sul quale sembrano girare leggende. Si racconta sempre di qualcuno che è diventato ricchissimo in poco tempo acquistando criptovaluta. In teoria è anche possibile, a patto di essere esperti del settore. Diversamente, meglio avvicinarsi per gradi a un sistema che, se conosciuto, funziona.

Oggi le criptovalute sono sì la scelta più rischiosa, ma di conseguenza, per la legge dei mercati, anche quella in potenza più redditizia. Bitcoin, Ripple, Litecoin, ma anche altre crypto hanno avuto enormi rialzi, che hanno fatto la fortuna degli investitori che hanno puntato su questa nuova tecnologia. Basti pensare che un singolo bitcoin vale oltre 50mila dollari. Consulta anche la lista delle migliori criptovalute 2021.

Il fascino consiste nel fatto che su queste valute le banche non hanno potere, e non richiede intermediari.

Puoi decidere di acquistare in crypto con piattaforme come Coinbase (click per il sito ufficiale per ottenere 10$ gratis), scambiando euro in bitcoin. Puoi usarli per pagamenti in negozi online, o anche fisici, che lo permettono. O utilizzarli per investimenti di trading.

P2p lending

Simile al crowdfunding, il peer to peer, abbreviato in p2p lending, permette di sostenere attività e imprese. In questo caso, è una forma di finanziamento fra privati, oppure fra privati e aziende. E’ un modo per ottenere prestiti, anche alti, senza ricorrere agli istituti di credito, e neppure a pochi investitori. Una certa quantità di persone presterà la cifra a disposizione, e la somma darà il capitale necessario al progetto per partire.

Questa è una forma di prestito, che parte addirittura da soli 10 euro. Alla scadenza, si otterrà il capitale versato più gli interessi. Naturalmente, vale la pena di fare due conti: se la cifra prestata è davvero bassa, anche gli interessi saranno tali.

Se però hai qualche soldo da investire, considera che queste piattaforme ti permettono anche di diversificare, ovvero dividere la cifra su molti progetti. Un modo per tenere al riparo il tuo investimento e non perdere tutto.