Investire in indici azionari nel 2019: ecco come fare e cosa scegliere.

Gli indici azionari sono senza dubbio tra gli strumenti più importanti a disposizione delle persone che vogliono investire i propri capitali.

Imparando a conoscere il prodotto, sapendo quindi cosa siano gli indici di Borsa e come investire su tali prodotti finanziari, si potranno fare degli ottimi profitti.

Ma cosa sono nello specifico? Come si fa ad investire in indici azionari? Quali sono quelli migliori su cui indirizzarsi nel 2019?

Con il nostro articolo cercheremo di saperne di più, cercando di rispondere a queste domande in maniera esaustiva.

Cosa sono gli indici azionari e i metodi di calcolo

Gli indici azionari, sono la statistica che viene utilizzata in finanza per verificare quelle che sono le variazioni delle quotazioni azionarie, titoli di tutte quelle società che sono in un dato momento quotate in Borsa.

In poche parole, si tratta di un ‘contenitore’ che ha al suo interno diversi titoli azionari, e il valore è rappresentato da tutto l’insieme degli stessi.

Tipi di calcolo degli indici azionari

Gli indici vengono calcolati seguendo tre diverse metodologie, ecco quali sono:

  • Indici equally weighted: la parola ‘equally’ significa ‘uguaglianza’. In questo caso, è utilizzata perché alla base di questo calcolo c’è l’uguaglianza dei fattori di ponderazione fra tutti i titoli che si trovano all’interno del famoso ‘contenitore’.
  • Indici price weighted: in questi indici, ogni titolo possiede un peso diverso, e questo varia in base a quello che è il suo prezzo. Sono indici piuttosto semplici da calcolare, ma che alla fine non sono valori specificatamente reali dell’intero portafoglio. Infatti, quando viene preso in esame questo indice, si tiene conto principalmente dei titoli che hanno un prezzo più alto.
  • Indici value weighted: ad oggi sono quelli più utilizzati, perché secondo gli esperti del settore rappresentano quelli più corretti ed equi. Tali indici danno ai titoli un peso che risulta proporzionale a quella che è la capitalizzazione societaria. Parliamo dell’azienda che ha emesso le azioni.

Dopo aver visto nello specifico cosa sono gli indici di Borsa, andiamo a vedere come leggerli.

Indici azionari: ecco come leggerli

Per essere bravi nel leggere gli indici azionari, si dovranno tenere presenti alcuni elementi sostanziali.

Ecco di cosa parliamo:

Prezzo ufficiale

Il primo aspetto è senza dubbio quello del prezzo ufficiale, il quale viene calcolato basandosi su quella che è la media dei prezzi giornalieri calcolati a sua volta in base ai volumi.

Capitalizzazione

Il secondo è quello che riguarda la capitalizzazione, ovvero il prodotto tra il prezzo unitario delle azioni e il numero totale delle stesse che sono in quel momento in circolazione.

Percentuale sul totale della capitalizzazione

Infine, la percentuale sul totale della capitalizzazione del titolo in borsa, che rappresenta il peso dello stesso.

Come investire in indici azionari e perché farlo

Perché investire sugli indici azionari?

Perché è relativamente facile, e sebbene i guadagni siano meno cospicui che se si puntasse sulle azioni di un’unica società in crescita, ha il vantaggio di avere anche meno rischi di perdita.

Infatti, se si ha la percezione o la notizia che un anno sarà prolifico per un certo settore, puntare su indici di borsa di quella specifica area aziendale sarà una sorta di investimento quasi sicuro.

Come investire in indici azionari praticamente?

Adesso, quello che vogliamo scoprire è come fare per investire in azioni all’atto pratico.

Vi sono diversi modi per poterlo fare, di cui tre sono quelli principali.

  • Si potrà fare presso la banca dove si trova lo sportello dedicato,
  • attraverso il supporto di un promotore finanziario,
  • comodamente da casa utilizzando le piattaforme dei broker finanziari online.

Broker online

Basterà aprire un conto presso il broker che si è scelto e cominciare a operare autonomamente.

Per chi non fosse del tutto esperto, potrà contare sulla possibilità di avere un conto demo per un periodo limitato, con il quale fare tutte le prove che si desiderano per prendere dimestichezza con la piattaforma.

Nel caso del conto demo, ovviamente, i guadagni non sono prelevabili, per questo si può dire che non sono reali anche se tutto il resto (valori, prezzi, andamento, ecc) è corretto.

Sempre relativo al conto demo, bisogna considerare che l’approccio psicologico a soldi “finti o non propri” è diverso rispetto a quando si investono il proprio denaro nella realtà.

Alla luce di questo, allora, è meglio aprire un conto reale con un broker sicuro e riconosciuti dalle autorità competenti, e fare operazioni piccole e ben ragionate, che acquisire una “falsa sicurezza” con una demo.

Quali sono i migliori titoli azionari per il 2019?

Dopo aver appreso le notizie importanti in merito a cosa siano e come poter investire negli indici azionari, una delle questioni da prendere in considerazione è quali siano quelli migliori su cui investire.

È chiaro che non vi sia una via che sia sicura al 100 percento, ma vi sono delle tipologie di indici di borsa su cui si può consigliare di lanciarsi.

ETF

Stando agli umori degli investitori, e ai movimenti che sono più diffusi sul mercato, possiamo dire che l’investimento migliore è quello degli ETF su indici azionari.

L’acronimo sta per “Exchange-Traded Fund”.

Gli ETF funzionano per gli scambi allo stesso modo delle normali azioni, ovvero si possono sia comprare che vendere. Ve ne sono diversi, tra questi citiamo a titolo d’esempio:

  • ETF ProShares Ultra S&P500,
  • ETF ProShares UltraShort Russell2000,
  • ETF Financial Select Sector SPDR.

Migliori settori su cui investire in titoli azionari nel 2019

  • Biotech,
  • Energia,
  • Moda,
  • Tech,
  • Bancario.

Nothing Found

It seems we can’t find what you’re looking for. Perhaps searching can help.