Comprare oro fisico da investimento oggi: conviene?

Il mondo degli investimenti abbiamo constatato con il tempo essere un ambiente molto affascinante quanto complesso.

Sono molte le opzioni che si trovano in merito a questo mondo, e una di quelle più battute negli ultimi tempi, complici diverse situazioni favorevoli aggiunte a previsioni future, è quella legata agli investimenti nell’oro.

Come investire in oro oggi?

Oltre al fatto che si possa investire su di esso attraverso il trading, vi è una distinzione netta tra due tipologie d’investitori che si rivolgono a questo metallo.

Una prima categoria è quella che decide d’investire nell’oro in maniera indiretta, attraverso sistemi finanziari che permettono di trarre profitto dal valore del metallo senza possederlo realmente. Trattasi di una scelta molto praticata, che fa leva sulla possibilità di intuire la salita o la discesa del prezzo dell’oro e sulla base di questo fare il proprio investimento.

Una seconda categoria è quella che invece, in merito al metallo prezioso, investe acquistandolo fisicamente. Non si tratta più di un investimento indiretto quindi, ma si diviene possessori di qualcosa di tangibile. Come funziona nello specifico questo secondo sistema? Nel nostro articolo andremo a scoprire in merito all’oro, l’aspetto legato all’acquisto fisico dello stesso.

Comprare oro fisico conviene ancora nel 2019?

La domanda che molti continuano a porsi, e alla quale ancora non è stata data una risposta esaustiva e certa. Sappiamo che l’oro è considerato il bene rifugio per eccellenza, e quindi, specialmente in periodi di crisi economica, rappresenta una delle scelte più battute. Perché questa considerazione in merito all’oro? Quella che rappresenta da una parte il luogo comune per gli scettici, e da un’altra la realtà oggettiva per chi invece è convinto di questa scelta, è la tesi legata alla reperibilità nel tempo del metallo prezioso.

Essendo come tutti i metalli destinato prima o poi ad esaurirsi, la convinzione di molte persone, avallata tra le altre cose dalla maggioranza degli esperti del settore, è che al momento in cui diverrà un elemento raro, il suo valore sarà elevato. Dunque, sulla base di questo, chi ne sarà in possesso avrà tra le mani un patrimonio molto alto. In sé e per sé la cosa potrebbe anche essere logica, ma le domande alle quali bisogna rispondere è: “quando si esaurirà davvero l’oro?” “Quando comincerà a divenire scarsa la sua presenza sul mercato?”

Bisogna dunque prendere l’investimento nell’oro fisico come una scelta decisamente a lungo termine, qualcosa che non darà frutti nell’immediato, ma che lo farà dopo molti anni. Dunque, comprare oro fisico può essere interessante se inserito in quelli che sono gli investimenti a lungo termine, custodendo il proprio oro fisico, che sia in lingotti o in monete d’oro in un luogo sicuro. L’aspetto del luogo in cui tenere l’oro fisico non è sicuramente da sottovalutare.

> Vedi anche il nostro approfondimento sull’Investire 1000 Euro In Oro Nel 2019

Dove custodire l’oro fisico

Vi sono diverse opzioni per poter conservare l’oro fisico, tra queste sono almeno due le più utilizzate, ovvero rivolgersi alle agenzie private e alle banche.

Indubbiamente, una volta che ci si è accertati della sicurezza finanziaria della struttura che si è scelta, sarà possibile mettere al sicuro il proprio oro fisico in attesa di riprenderlo quando si penserà sia arrivato il momento giusto.

Le cassette di sicurezza all’interno delle banche sono comunque ad oggi il sistema più utilizzato in assoluto, in quanto diviene comodo per gli investitori tenere il proprio oro all’interno della banca dove sono già correntisti.

Comprare oro fisico: dove?

La prima domanda fondamentale da porsi non è tanto come, ma dove comprarlo. Infatti, molti sono gli investitori che puntano all’acquisto dell’oro fisico, senza però la reale consapevolezza di chi siano gli organi accreditati alla sua messa in vendita. Se un investitore è seriamente interessato a fare un’operazione come questa, sapere dove compralo è un’informazione basilare.

Rivolgersi alle strutture accreditate, non è solo garanzia di acquistare un prodotto realmente corrispondente a quelle che sono le sue naturali caratteristiche, ma anche farlo con quelle che sono le modalità corrette per la procedura d’acquisto.

È dunque importante conoscere come stanno le cose, ovvero che esistono attività che sono autorizzate nello specifico alla compravendita dell’oro fisico, parliamo delle banche e degli operatori professionali in oro (Banco Metalli).

Le banche non hanno bisogno di spiegazioni per capire di cosa parliamo, andiamo invece a conoscere nello specifico a chi ci riferiamo quando parliamo di operatori professionali in oro.

Comprare oro fisico dagli operatori professionali in oro

Quando parliamo di operatori professionali in oro, ci riferiamo a quelle aziende che sono registrate in uno specifico albo della Banca d’Italia, e che per esercitare la loro professione di compravendita oro fisico vengono dotate di un determinato numero di iscrizione. Dunque, è chiaro che non stiamo parlando né delle classiche gioiellerie, né tantomeno dei compro oro che si trovano in tutte le città d’Italia. Queste due categorie non sono abilitate alla vendita di oro da investimento esente IVA.

Vi starete chiedendo dunque, come fare a trovare queste figure professionali. Basterà semplicemente andare sul sito ufficiale della Banca d’Italia, qui sono indicate tutte le aziende autorizzate alla compravendita di oro fisico. Tenete presente che l’elenco viene costantemente aggiornato, quindi quando vi troverete sulla pagina saprete che si tratta di aziende operative al momento della consultazione.

Presso questi operatori professionali in oro, si potrà acquistare il materiale prezioso in due forme, lingotti e monete, le quali rispettano determinate caratteristiche, ovvero quello che sono elencate nella legge di riferimento (n° 7 del 2000). In questa legge viene definito il termine oro da investimento.

Quanto costa comprare oro da investimento?

Il prezzo di vendita cui viene venduto l’oro da investimento non è a discrezione del venditore, ma a determinarlo sono due fattori principali:

  • Il prezzo dell’oro in borsa
  • Lo Spread

Lo spread, per chi non avesse molta dimestichezza con l’argomento, è il margine di guadagno dell’operatore. Si tratta nello specifico di una cifra in percentuale che viene applicata al prezzo di Borsa, e che cambia in modo inversamente proporzionale a quello che è il quantitativo dell’oro. Più questo è piccolo più alta sarà la percentuale di spread. Più sarà grande e più bassa sarà chiaramente la percentuale di spread.